I Simpson avevano previsto la legalizzazione della Cannabis in Canada
Ultimo aggiornamento 08/02/2019

I Simpson avevano previsto la legalizzazione della Cannabis in Canada, in una puntata andata in onda il 4 Novembre 2005, con ben 13 anni d’anticipo.

Chi non ha mai visto una puntata de “I Simpson”? I fan più accaniti amanti della canapa però ricorderanno una puntata in particolare: quella del 4 Novembre 2005, in cui i Simpson avevano previsto la legalizzazione della Cannabis in Canada.

In quell’episodio, Homer e Ned Flanders si spingono fino in Canada per procurarsi e contrabbandare dei farmaci, che negli Stati Uniti richiedevano la prescrizione, per colpa del perfido Mr. Burns, il quale aveva revocato l’assicurazione sanitaria a tutti i suoi dipendenti.

Durante questo viaggio Ned incontra il suo sosia canadese e, superato lo stupore per l’incredibile somiglianza, iniziano a chiacchierare. Ad un certo punto il “Ned canadese”, in maniera del tutto naturale, porge a Flanders una canna rassicurandolo sul fatto che in Canada la cannabis sia assolutamente legale.

 


Non è la prima volta 

In questa puntata così come in altre, i Simpson, con i loro quasi trent’anni di vita, si sono distinti per la loro capacità di “prevedere” il futuro.

Infatti, già in una puntata del 1993, si raccontava di un’aggressione da parte di una tigre bianca ai danni dei due famosi addestratori di Las Vegas Siegfried F. e Roy H., che avvenne veramente circa 10 anni dopo.

Ed ancora, in una puntata del 2000, Donald Trump appariva già nelle vesti del presidente degli Stati Uniti, mentre lo divenne veramente solo l’8 Novembre 2016.

 

Semplici coincidenze o vera e propria capacità di anticipare il futuro? “Ai posteri l’ardua sentenza”


La legalizzazione della Cannabis nel mondo

In realtà, il Canada non è stato il primo a rendere legale il consumo di canapa anche a scopo ricreativo, ma il primo tra le 7 nazioni più ricche del mondo. Il primato assoluto spetta invece all’Uruguay, primo paese nel mondo a consentire l’utilizzo della cannabis ai cittadini maggiorenni già nel 2013.

Negli anni successivi diversi Stati USA ne hanno permesso l’uso ricreativo, tra i quali ricordiamo: Colorado, Washington, Alaska, California, Nevada. Altri Stati come la Florida, il Montana, il North Dakota e l’Arkansas invece hanno liberalizzato l’utilizzo della canapa solo per fini terapeutici.

Il West America diventa così baluardo della lotta per la legalizzazione e la liberalizzazione della cannabis. Anche ad Est tuttavia, alcuni Stati hanno optato per la piena legalizzazione della canapa come il Massachussets.

Scopri tutti gli stati in cui la cannabis è legale qui


L’Italia e la legalizzazione

In Italia invece, la produzione e il commercio di canapa con sostanza stupefacente inferiore allo 0,6% sono legali dal Dicembre 2016.

Per quanto riguarda invece la cannabis terapeutica, legale dal 2013, ad oggi si riscontra ancora una mancanza di conoscenza adeguata dell’argomento non solo da parte di molti potenziali pazienti, ma anche da parte di professionisti, medici ed infermieri. Inoltre la produzione, affidata all’Istituto chimico e farmaceutico Militare di Firenze, non riesce neanche a soddisfare il fabbisogno nazionale.

Non resta che prendere atto di questi dati, ancora tristi, nella speranza che un giorno i Simpson profetizzino la legalizzazione completa anche in Italia.


Non perdere tutte le news e le curiosità sul mondo della canapa seguendoci su Instagram e Twitter.


Marzia D’Angelo

0commentiIn: Curiosità

Scrivi una risposta